News

Interpretazione di sogni incredibili: Puntata n. 1 La ribellione di Lucifero

freudv

Puntata n.1

“La ribellione di Lucifero”

[torna alla pagina principale della rubrica]

Sogno di un ragazzo di 20 anni:

“Una strega cattiva distrugge tutto e sottomette le persone alla sua volontà:inizialmente c’è solo un piccolo angioletto incapace di fare niente. Un uomo viene incoronato re dalla regina ma anche lui è sottomesso alla sua volontà. Ma l’angelo è cresciuto e ha due grandi ali con le quali ora può volare: allora strappa la corona al re e la tira in faccia alla regina distruggendola; così tutto torna alla sua normalità, come era prima che la regina distruggesse tutto.”

Questo tipo di sogni fiabeschi sono molto interessanti, in quanto riprendono i miti contenuti nell’inconscio collettivo, come diceva Jung, e toccano temi che riguardano le tappe che ogni persona si trova ad affrontare nella propria vita.

In questo caso questo giovane sognatore deve effettuare un passaggio di crescita, che sembra essere ostacolato da una figura femminile negativa, che in questo caso è rappresentata dall’archetipo della madre-strega. Questa, come Circe, sottomette gli uomini alla propria volontà, manipolandoli e rendendoli schiavi.

La crescita psichica trasforma il timido angioletto dell’inizio del sogno in un angelo adulto, che adesso possiede le ali per volare: in questo caso viene richiamato il mito di Lucifero, l’angelo che si ribellò a Dio e al suo volere. Nel sogno quindi c’è un aspetto di ribellione che si manifesta con la rivoluzione contro i “monarchi”: l’angelo ribelle prende in mano la corona del re e la getta contro la regina, distruggendola. Anche nelle fiabe il finale vede spesso il protagonista trionfare contro un qualche tipo di personaggio legato al potere e al dominio sugli altri.

La visione fiabesca denota spesso un’immaturità della persona che si trova ancora in una fase delle vita dove vede il mondo in modo ancora infantile, e questo sembra legarsi a profondi sensi di colpa nel compiere questo passaggio: il distacco dalle figure adulte viene visto, infatti, come una ribellione, e non come un passaggio sano e maturo che deve essere compiuto fisiologicamente.

@DottorSaita #psicologo #roma

 

 

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *