News

La sindrome del brutto anatroccolo

sindromebruttoanatroccolog
In breve
Per quale motivo alcune persone si vedono belle e vincenti, mentre altre si percepiscono come se fossero brutte e poco attraenti? Perché c’è chi finisce nella spirale degli interventi estetici pur di vedersi e sentirsi più desiderabile? Un libro per scoprire le ragioni che si nascondono dietro l’opinione spesso distorta che si ha di sé.
Consulta il volume presso il sito della casa editrice:
testata_little
_________________________________
INTERVISTE SUL LIBRO:
radiocusano
Annalisa Colavito intervista il dott. Saita su Radio Cusano Campus nella trasmissione “genitori si diventa” sul libro “La sindrome del brutto anatroccolo”
_____________
Barbara Gabrielli intervista il Dott. Saita per Confidenze tra amiche sulla “Sindrome del brutto anatroccolo”: clicca qui per leggere l’intervista 239p275_R1
_____________
Diana De Marsanich intervista il Dott. Saita su la “Sindrome del brutto anatroccolo” per Natural Style: clicca qui per leggere l’intervista num NAT_143_Maggio pag 045_048 nome 143_WOMAN CELEB
_____________
STATE OF MIND (RIVISTA PSICOLOGICA SCIENTIFICA) recensisce il libro:
_____________
_________________________________
Presentazione del volume 
Per quale motivo alcune persone si vedono belle e vincenti, mentre altre si percepiscono brutte e poco attraenti?
Perché c’è chi finisce nella spirale degli interventi estetici pur di vedersi e sentirsi più desiderabile?
Con questo libro scoprirete quali sono i meccanismi che portano la mente a imparare a percepire il proprio corpo in un certo modo e comprenderete le ragioni che si nascondono dietro l’opinione, spesso distorta, che si ha di sé. Opinione che in qualche caso è capace di innescare una vera e propria sindrome del brutto anatroccolo.
L’immagine corporea, infatti, è qualcosa che la mente apprende nel corso del proprio sviluppo. Si fonda su immagini, etichette e punti di vista, a volte positivi a volte negativi, raccolti consciamente e inconsciamente nell’arco della propria vita. Ma sono etichette che possono influenzare profondamente l’autostima della persona.
Questo libro vi insegnerà a superarle.
Nella parte finale troverete infatti alcuni test ed esercizi di auto-percezione corporea per iniziare ad allenare la mente a disimparare il modo in cui essa vede se stessa e il proprio
corpo.
Siete pronti a vedervi come non vi eravate mai visti prima?Luca Saita, psicologo, psicoterapeuta, vive a Roma dove esercita la libera professione. Ha studiato a Roma e a Sunderland, nel Regno Unito, dove ha avuto modo di approfondire gli approcci più moderni alla psicoterapia. È stato uno dei primi psicologi in Italia ad aprire un sito internet dedicato alla psicologia, ricevendo l’attenzione dei media (www.lucasaita.it). Autore di numerosi saggi e articoli sulla psicoterapia, per i nostri tipi ha pubblicato Liberarsi dai sensi di colpa. Come smascherare i “venditori” dei sensi di colpa e ritrovare serenità (2013).
Indice
Introduzione
Perché ci si sente brutti?
(Come si sviluppa l’immagine di se stessi?; La distorsione dell’immagine del corpo; L’attacco al corpo; Proiettare sull’altro; Etichette dannose)
Su quali basi si costruisce l’immagine della persona?
(Le etichette razziali, nazionali, sociali e religiose; Le etichette familiari; Le etichette del quotidiano)
Imparare a vedersi brutti
(Quando i vissuti si trasferiscono sul corpo; Naso come “nasone”; La figlia del “califfo”; Vedere la “macchia”; La scelta del bersaglio; Il simbolismo del corpo; Come mai si subiscono attacchi alla propria immagine fisica?; La caduta nel circuito dell’autosvalutazione)
Esercizi per disimparare a vedersi negativamente
(Mettere in crisi le proprie convinzioni; Come ti vedi?; Raccogliere aneddoti: chi ha detto che cosa; Come avete imparato a vedervi? Come vi vedete voi!; Imparare a difendersi; Chiedetelo ai sogni)
Conclusioni.

3 Comments

  • Ginevra

    Letto tutto d’un fiato! Grazie Dottor Saita per questo nuovo libro davvero entusiasmante. Ero già rimasta colpita da quello sui sensi di colpa e devo dire che anche questo mi ha molto impressionato. In maniera molto semplice è riuscito a toccare corde davvero molto sensibili. L’ho divorato! Userò i suoi test tutti i giorni! La ringrazio molto perchè se mi vedrò allo specchio con qualche piuma da cigno sarà anche merito suo! l’ho già suggerito a tutte le mie amiche e lo suggerisco a tutti!

  • Fabiana

    Dottore grazie al suo libro io vedo che mia figlia sta cambiando. fa le domande del libro scrive su un foglio cosa non gli piace poi me lo fa leggere dice che non vuole essere più triste sembra che sorride di più spero mangerà di più. Dice che le sue amiche sono bellissime e io gli dico sempre che è un fiore ma non mi crede. scusi dottore io non sono una che ha studiato. grazie per l’aiuto che per me è tantissimo.

  • Valentina Fassone

    Dottore buona sera volevo ringraziarla per il suo libro “La sindrome del brutto anatroccolo” mi sta venendo molto utile e sto iniziando a capire alcune cose fondamentali sulla visione del nostro aspetto fisico..imparare ad accettarsi è una delle cose più diffici ma belle nella vita.

  • Write a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *