News

Suicidio: un tentativo di volare

Suicidio: un tentativo di volare

volare1

Molte persone tutti i giorni pensano al suicidio. Le difficoltà della vita, il dolore, i problemi. Il suicidio può sembrare una soluzione che risolve i problemi. Sotto un punto di vista psicologico il suicidio rappresenta la voglia di rinascita, o la voglia di volare via da una situazione nella quale non si sta più bene. Tuttavia le ali del suicidio sono ali di cera, e come quelle di Icaro sono destinate a sciogliersi al sole, e a portare la persona non verso un’altra vita, bensì verso una tomba. Il suicidio è un atto di grande aggressività verso se stessi, un aggressività che non potendosi rivolgere all’esterno, si rivolge verso la persona stessa, spesso accompagnata dal pensiero di “far soffrire in questo modo gli altri”. Voler morire significa voler rinascere, regalarsi un’esistenza diversa, nuove possibilità, cambiare qualcosa che non funziona. In questi casi è importante capire cosa fa stare male, e soprattutto lavorare sulla rabbia e sul rancore che accompagnano tale pensiero. In questi casi è molto importante non aspettare tempo per rivolgersi ad un professionista: un intervento tempestivo può evitare di affrontare questi pensieri da soli e soprattutto di metterli in atto. Certe situazioni un conto è vedersele da soli, un conto è vederle in due.

@DottorSaita #psicologo #roma

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *